Omicidio di Lidia Macchi, caso riaperto: la lettera che inchioda l’assassino non sarebbe dell’uomo in cella da tre anni

Favicon La Repubblica

La ragazza venne ritrovata morta nel bosco di Cittiglio, in provincia di Varese nel 1987. Un altro uomo si intesta quella missiva di GIULIO BONOTTI

Leggi la notizia integrale su: La Repubblica


Il post dal titolo: «Omicidio di Lidia Macchi, caso riaperto: la lettera che inchioda l’assassino non sarebbe dell’uomo in cella da tre anni» è apparso sul quotidiano online La Repubblica dove ogni giorno puoi trovare le ultime notizie dell'area geografica relativa a Milano.



Approfondisci questo argomento con le altre notizie