Marina Cvetaeva: «Ai miei versi scritti così presto»

Favicon Chiamamicitta

Ai miei versi scritti così presto, che nemmeno sapevo d’esser poeta, scaturiti come zampilli di fontana, come scintille dai razzi. Irrompenti come piccoli demoni nel sacrario dove stanno sogno e incenso, ai miei versi di giovinezza e di morte, versi che nessuno ha mai letto! Sparsi fra la polvere dei magazzini, dove nessuno mai li...

Leggi la notizia integrale su: Chiamamicitta


Il post dal titolo: «Marina Cvetaeva: «Ai miei versi scritti così presto»» è apparso sul quotidiano online Chiamamicitta dove ogni giorno puoi trovare le ultime notizie dell'area geografica relativa a Rimini.



Approfondisci questo argomento con le altre notizie