Omicidio di Sogno: 'non l'ho premeditato ma è successo' ha detto Guzzetti a uno zio. Ma in Aula mantiene la sua versione

Favicon Lecco Online

Roberto GuzzettiL'esame dell'imputato, come i romanzi più avvincenti, è iniziato in medias res. Nel mezzo delle cose. "Perché il 9 giugno è entrato in casa di Maria Adeodata Losa?" ha chiesto, diretto - dando per scontato che l'uomo avesse effettivamente varcato l'uscio di quell'abitazione il giorno del delitto - il sostituto procuratore Paolo Del Grosso. E Roberto Guzzetti, sessantenne lecchese a processo quale presunto assassino della pensionata torrebusina freddata con dieci fendenti nell'estate di due anni fa in frazione Sogno, ha risposto riproponendo in Aula, al cospetto dei giudici.

Leggi la notizia integrale su: Lecco Online


Il post dal titolo: «Omicidio di Sogno: 'non l'ho premeditato ma è successo' ha detto Guzzetti a uno zio. Ma in Aula mantiene la sua versione» è apparso sul quotidiano online Lecco Online dove ogni giorno puoi trovare le ultime notizie dell'area geografica relativa a Lecco.



Approfondisci questo argomento con le altre notizie